Skip to content

Ora è il tempo

28 giugno 2012

Questo tempo è gravido di avvenimenti … non lo sprecate.

Quando ci libereremo dalla superstizione, dai pregiudizi, quando trionferà la verità, il diritto, la ragione, la virtù se non adesso? Quando risorgerà l’amor della patria? Quando? Sarà morto per sempre? Non ci sarà più speranza? Io parlo a voi…

Ora è il tempo… O in questa generazione che nasce, o mai. Abbiatela per sacra, destatela a grandi cose, mostratele il suo destino, animatela.

Giacomo Leopardi, Dell’educare la gioventù italiana, Recanati, 1818-1820

About these ads
5 commenti leave one →
  1. 29 giugno 2012 1:25 pm

    sbaglio o questo post gronda un po’ troppa retorica? d’altronde da un veltroniano come te… :-)

    • 29 giugno 2012 6:43 pm

      :) la citazione l’ha usata calabresi nel suo ultimo saggio. che ti devo dire?
      …L’abbraccio tra il figlio e la mamma. Il ragazzo di colore che tutti fischiano e che, per una sera, diventa l’eroe di un intero paese. La solita italietta che batte il solito squadrone teutonico. La gente che fa i caroselli e si sente italiana, solo per le partite di calcio. Sì c’è molta retorica, ma questo non vuol dire che non ci sia anche un poco di verità. Di quella buona. Che ti fa sperare nel meglio (e non mi riferisco, solo al fatto sportivo).

      • 30 giugno 2012 9:58 pm

        non facciamo di una partita, seppur grande e piena di soddisfazioni, un evento da tragedia greca con eroi… è solo una partita di calcio… come dice sempre Prandelli, che le cose le fa seriamente e con umiltà: “alla fine è solo un gioco”…
        di vero, sincero e reale nel tuo post c’è l’abbraccio fra una madre e un figlio, il resto che ci sta sopra e attorno è solo sovrastruttura retorica…
        e cmq, forza azzurri e, in ogni caso, grazie a Prandelli che sta dando una lezione, senza volerlo intenzionalmente, ai vari allenatori pieni di boria che affollano il mondo del calcio (fra cui il suo predecessore Lippi…)

  2. 1 luglio 2012 10:37 am

    che frai sfrugugli su Lippi? : )
    guarda che il post precedente mio si chiamava solen unen partiten… dunque sono d’accordo. Però se non l’hai fatto, t’invito a leggere il pezzo di ieri di gramellini su la stampa, che mi sembra in linea con quello che volevo dire io:

    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp?ID_blog=41&ID_articolo=1208

  3. 2 luglio 2012 8:23 pm

    ragazzi, altro che retorica! la mamma è sempre la mamma!!! :-D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 439 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: