Il tempo delle parole coraggiose

Senza molti giri di frase, annoto che ieri sera ho trovato emozionante lo speciale di “Che tempo che fa” (Rai Tre) con Roberto Saviano.  Saviano si è confermato narratore vero, qualunque mezzo si trovi a usare,  la parola scritta dei suo libri come quella orale restituita dalla tivvù.  Ha rievocato storie scomode di quelle che faticano a trovare qualcuno disposto a raccontarle.  E, quando lo trovano, di solito,  questo qualcuno paga in prima persona per il suo coraggio.  Gente come Anna Politkovskaja, la giornalista russa che ci ha rivelato il volto feroce della guerra in Cecenia  o come Varlam T.Salamov, lo scrittore russo che ha attraversato l’inferno dei Gulag stalinisti.  Gente come Roberto Saviano, appunto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...