In quel goal

E’ stata una vittoria vecchio  stile  quella della Juve oggi. E qualcuno dirà, infatti, l’avete rubata, come ai vecchi tempi.

La battuta ci sta, quel rigore grida vendetta. Ma parlo dell’altro aspetto, quello della tenacia, dell’impegno vero, tutto racchiuso nel primo goal di Alex.

Civati – che quando ci mette diventa l’Osvaldo Soriano della rete – lo  racconta così:

Si allunga il pallone, sembra averlo perso, sulla tre quarti, come troppo spesso gli e ci è accaduto quest’anno, ma lo recupera, con un colpo di reni, dribbla due avversari, scambia con Diego (di tacco) e la infila di esterno destro, sul primo palo, alle spalle del portiere.

In quel  goal c’è la tutta la carriera di Alex Del Piero, tutte le 445 giornate passate ad accudire laVecchia Signora sin qui (oggi ha superato perfino Boniperti). Alex, forse, non è stato grande come altri campioni bianconeri in quella o quell’altra stagione. Ma è riuscito a rimanere grande nel tempo, attraversando momenti di crisi, sia personale sia di squadra, che nessun altro fuoriclasse si è trovato ad affrontare con quella maglia.

In quel goal c’è tutta la classe assoluta di un campione, che  se avesse giocato in una altra squadra, forse avrebbe raccolto meno trofei ma più stima fra i contemporanei, per quello che è, per quello che rappresenta.

Annunci

3 pensieri riguardo “In quel goal”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...