.

Post senza titolo, oggi, per parlare di un’opera che programmaticamente ha rinunciato a darsene uno.

Sin Titulo” di  Cameron Stewart è un fumetto digitale, varato in rete nel Giugno 2007 e che, da allora a cadenza periodica,  è possibile leggere su internet. La storia è quella di tale Alex Mackay, alle prese con misteriosi eventi che ne segnano, giorno dopo giorno, l’esistenza a partire dal ritrovamento di una inspiegabile foto.

Ogni capitolo periodico si compone  di due strisce da 4 vignette, dove nell’ultima vignetta con il più classico dei finali “mozzafiato” (i cosiddetti cliffhanger di cui abbiamo già parlato qui e qui ), si cela un piccolo mistero in più rispetto a quanto già sapevamo.

C’è chi ha scomodato il barocchismo di Lost e chi il David Linch di Twin Peaks per sottolineare il fascino del racconto di Cameron Stewart, disegnatore canadese già attivo per i grandi editori americani, ma che qui trova una dimensione tutta particolare, in questo formato digitale che si è ritagliato su misura e che gli è valso, recentemente, il prestigioso Eisner Award, come miglior fumetto in rete.

Un tipico "gancio seriale" di Sin Titulo d Cameron Stewart

Confesso che non amo molto il fumetto online. Come dicevo qualche giorno fa a proposito di Ipad e dintorni, sono uno di quei vecchi Firmini da biblioteca che  subisce ancora il fascino feticista della carta che scorre sotto le dita, il senso della memoria che ti restiuiscono pagine sempre più consunte negli anni.

Mi rendo conto che è un limite e che, come spiegava Roberto Recchioni qualch tempo fa, ormai la godibilità di un testo a fumetti su schermo, può valere la carta.

E, comunque, tutte le remore personali si sgretolano di fronte a bei racconti quali Sin Titulo che, oltretutto riesce ad avere una leggibilità “simile” al fumetto cartaceo, racchiudendo il respiro delle due strisce quasi in una sola schermata, senza troppi scroll.

Il formato editoriale scelto da Stewart ricorda, in effetti, molto la mezza pagina, che fece negli anni d’oro del fumetto, la fortuna dei quotidiani americani, dove trovava spazio con regolarità (pensiamo ad esempio al Dick Tracy di Chester Gould). Con una differenza fondamentale lo rileva, nel corso di una solida analisi dell’opera, Rubén Varillas (se masticate lo spagnolo, vi consiglio caldamente il suo blog sul fumetto ).

Al lettore del giornale non era concesso di tornare alla pagina del giorno prima. Certo la poteva richiamare mentalmente, ma non l’aveva sotto gli occhi. Tant’è che autori, proprio come il già citato Gould o Milton Càniff, avevano messo a punto strategie narrative ad hoc per consentire al loro pubblico di seguire l’azione nel singolo episodio, senza dimenticare la trama generale di sfondo.

In sin Titulo l’utente può andare avanti e indietro, tra una puntata e l’altra, di continuo. Io, ad esempio, non lo leggo con regolarità e faccio così, quando voglio capire ” a che punto siamo”.

Ciò rende molto più fluido il rapporto tra i meccanismi seriali classici (salti, cesure, riassunti) e la (re)visione completa dell’opera, man mano che la storia procede. Stewart ne è consapevole e gioca volutamente su questa inedita possibilità, per esempio attraverso la scelta di tenere sempre uniforme la taglia delle vignette (un poco come faceva Gibbons in Watchmen) per creare un “effetto scena” nella singola schermata e un forte senso di continuità nel  procedere degli episodi.

Ecco perché Sin Titulo potrebbe anche essere “Sin Final” suggerendo un senso di  (in)finità del racconto davvero assoluto e, forse,  nuove possibilità per la serialità a fumetti.

Il formato uniforme di Sin Titulo: 2 strisce, 8 vignette
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...