Chris il freddo, Paolo il caldo

Qualche post fa, su gentile richiesta avevo promesso un post in cui analizzare meglio l’opera grafica di Chris Ware, di cui avevo già parlato qui. L’idea mi spaventava un poco, l’ammetto, perché Ware è un autore bello quanto complesso ed, ogni volta, mi sembra di non riuscire a descriverne appieno la portata.

Per fortuna ci ha pensato il semiologo Daniele Barbieri a dedicare al cartoonist americano un suo intervento, in cui fra l’altro, lo descrive come un narratore “freddo”, proprio la stessa espressione che  era venuta  in mente a me.

Daniele va oltre e, mettendo a confronto la gelida perfezione di Chris Ware con lo stile caldo di Paolo Bacilieri, ci regala uno di quei post che vale la pena leggere se amate i fumetti, o semplicemente volete capirgli meglio.

A questo proposito, di Daniele Barbieri, vi consiglio anche  l’ultima raccolta di saggi (Il pensiero disegnato) sul fumetto europeo.   Indispensabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...