La vita e il racconto

Un piccolo alieno arriva sulla Terra, in una cittadina degli Stati Uniti. E’ un essere pacifico e inoffensivo, ma l’esercito americano – appreso della sua esistenza – decide di catturarlo, ad ogni costo, per poterlo studiare.

Quest’abbozzo di trama vi ricorda qualcosa? Probabilmente si. Chi non conosce E.T. l’extraterrestre di Steven Spielberg?

Però, in realtà, io stavo pensando a Uno sceriffo extraterrestre – poco extra e molto terrestre, un film di Michele Lupo con Bud Spencer.

Lo spunto è praticamente lo stesso e, forse, vi sorprenderà scoprire che il film di Lupo è del 1979, mentre E.T. arrivò nelle sale solo tre anni dopo.

Naturalmente  identico spunto ma storie diverse. Il tono della narrazione, la caratterizzazione dei personaggi fanno la differenza.

Per questo non ho potuto mai chiedere i danni a Spielberg!

Scherzava, ricordando la curiosa coincidenza, Francesco Scardamaglia sceneggiatore del film di Lupo e di molti altri successi di Bud Spencer di quel periodo. Scardamaglia, scomparso qualche giorno fa,  è stato un bravo artigiano del nostro cinema e della nostra televisione.

Per me, che ho avuto la fortuna di averlo come insegnante di scrittura, è stato anche un maestro. Grazie alle sue lezioni, mi sono avvicinato alla teoria narrativa del Viaggio dell’eroe e, soprattutto, agli studi di mitologia comparata di Joseph Campbell.

Ma gli schemi, ricordava spesso Scardamaglia, da soli non bastano per costruire buone storie. Al centro ci sono sempre i personaggi e le loro motivazioni. Come ha scritto in uno dei suoi ultimi articoli:

Se si perde di vista il fatto che la narrazione nasce sempre da una reazione creativa alla morte, e quindi non può essere in alcun modo ridotta ad una commutazione di elementi dati, se si dimentica l’imponderabile e l’irrazionale dell’invenzione narrativa , ci si avvia immancabilmente verso il grigiore freddo e improduttivo delle clonazioni. La vita e il racconto sono altro.

Arrivederci maestro.

Annunci

Un pensiero su “La vita e il racconto”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...