Sotto la maschera del mostro

A Sarahland hanno vietato i torpedoni turistici ma non quelli mediatici.

 I viaggi morbosi nell’orrore continuano a percorrere i palinsesti tivvù e le pagine dei giornali, grazie a tanti volenterosi carnefici dell’informazione.

L’assassino non ha diritti, la vittima nemmeno, solo la storia conta.  E se il delitto, per quanto orribile, rappresentava comunque un un fatto privato, il racconto ripetuto del gesto, questa fiera degli orrori allestita a favore d’obiettivo, rivela una mostruosità tutta mediatica.

Mi viene in mente una paradossale battuta di un personaggio di Dylan Dog:

Sono il mostro che si cela sotto la maschera del mostro.

Non c’entra niente con il dovere di cronaca, lo ricordava bene – ne abbiamo già parlato -Mario Calabresi qualche giorno fa. Ma evidentemente tanti suoi colleghi la pensano diversamente. Francesco Costa, a mio avviso, descrive lucidamente la responsabilità del sistema:

 i giornali italiani si giudicano dalla scelta di pubblicare o non pubblicare le registrazioni audio degli interrogatori relativi al delitto di Avetrana. Quando si decide come trattare una notizia, le decisioni possono essere molte e difficili da interpretare: nello spazio da dedicare, nel tono da utilizzare, nelle parole da scegliere, nel giornalista da impegnare.

Questa invece era una decisione complessa ma in fin dei conti binaria: puoi parlarne quanto vuoi, ma alla fine gli audio o li pubblichi o non li pubblichi. Non era una notizia, dato che gli audio non fanno sapere niente che non si sapeva già.  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...