Un inquilino inaspettato

Gli operai dicono di averlo visto comparire un giorno, all’ombra dell’oleandro.
Il pelo rosso fulgido, una criniera da re leone, lo sguardo placido e il passo felpato, tipici della sua specie. Una apparizione misteriosa, degna di un manga di Miyazaki o di un romanzo di Murakami.

Fatto sta che quando siamo arrivati nella casa nuova, lui era lì nel nostro giardino e ci ha guardato come se gli ospiti fossimo noi.
Ufficialmente è il gatto di alcuni vicini, alcune casette più in là. Ma da quando siamo arrivati, ha sempre stazionato dalle nostre parti, complici forse i lauti pasti che mia moglie gli prepara.
Lui si chiama Lothar, nome che – per chi come me campa di pane e comics – ricorda l’indimenticabile assistente di Mandrake, antesignano di tutte le “spalle” del fumetto.

Lothar è anche il nome di un grande centrocampista tedesco, quel Matthaus capitano dell’Inter e della nazionale teutonica, vincitore del mondiale ’90 e del Pallone d’oro. Anche se a pensarci quello era più un mastino che un felino.

Tornando a questo Lothar qua, non è che io abbia tanta simpatia per la sua specie. Ora, mi beccherò qualche commento risentito degli amanti dei gatti, ma io li trovo animali (al contrario dei cani) piuttosto egoisti. Vengono quando hanno bisogno di cibo e carezze,  sembrano quasi tollerare con noncuranza la presenza umana.

Però Lothar una certa simpatia me la suscita. Quando torno la sera, da lavoro, lo trovo sempre ad aspettarmi sul viottolo di casa, ritto tipo statua egizia, con la coda che fa da metronomo impaziente.
Lo so benissimo che il furbacchione è lì, soprattutto per latte e croccantini, ma resta una accoglienza simpatica.

E l’altra mattina, mi ha stupito. Erano le cinque e mi ero svegliato a quell’ora antidiluviana per via di un aereo da prendere prestissimo. Pioveva a dirotto e sono uscito in strada di gran fretta: solo allora mi sono reso conto che Lothar mi aveva seguito per tutta la strada, beccandosi le fragorose secchiate d’acqua dal cielo.

In quel momento, ho capito che non siamo noi ad averlo adottato. E’ lui ad aver adottato noi.

Annunci

8 pensieri su “Un inquilino inaspettato”

  1. Guarda, adesso ti becchi la ramanzina da un filo-felino! Il pregiudizio che i gatti sono egoisti e ti fanno le belle solo per il loro tornaconto è falso. Lo hai visto d’altronde tu stesso, quando Lothar ti ha seguito….. E’ una vita che vivo con gatti e ti assicuro che sanno darti molto affetto in modo del tutto gratuito, solo che lo fanno a modo loro e quando vogliono loro. Non sono a comando come i cani. Vanno conosciuti e rispettati per quello che sono, ma di una cosa son certo: non sono egoisti, questo lascialo agli uomini…… Vedrai che Lothar ti farà cambiare opinione, così colmerai questa tua ignoranza/luogo comune/pregiudizio 🙂
    ciao

  2. Ciao Marco, condivido anch’io il fatto che i gatti non sono egoisti ma hanno un modo tutto loro di esprimere l’affetto. Io ho una gatta di 13 anni e nei momenti più inaspettati mi dimostra tanto affetto. Buona amicizia con Lothar. 🙂 P.s. Come vedi sono tornato online

  3. sono stata la ” sorella ” di un cane – spitz – per 13 anni! una esperienza bellissima, ma i gatti, amici degli ultimi anni, sono esseri incredibili e pieni di carattere! per ragioni legate alla salute non ne abbiamo in casa, ma abbiamo adottato una colonia nei pressi di casa. nonostante siano dei randagi, si fanno coccolare e mostrano un grande affetto – che non è solo un legame di cibo. una piccolina – cenerella – riconosce il rumore del motore della nostra auto e appena ci scorge, scodinzola festosa. non chiede cibo, ma solo affetto. penso che dovrai ” adattarti ” a comprendere lothar! 🙂
    scusami per il commento troppo lungo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...