Babbo Natale non (r)esiste

Se scomparsa la barba, scomparso il rosso, scompare anche anche la magia.

Se Santa Claus diventa un babbo da marciapiede, una faccia qualunque tra le tante.

Se tutto questo avviene, lo si deve alla bravura di Steve Schapiro, fotografo epico e ironico al tempo stesso.

L’assenza di ogni dinamicità nella composizione inchioda il personaggio alla routine metropolitana di un dicembre qualsiasi. La sfocatura dello sfondo ne evidenzia la solitudine. Il contesto figurativo (cofano d’automobile, marciapiede) ne esalta l’ordinario anonimato.

Forse, qualche minuto prima, questo Santa Claus era in un centro commerciale, a sorridere a grandi e piccini, a fare “oh oh” senza troppa convinzione, per qualche dollaro precario.

Certo, non ha creduto nemmeno per un momento di essere davvero Babbo Natale e nemmeno noi d’altronde. Schapiro ci ricorda quanto è facile essere cinici in questo periodo dell’anno. Sin troppo.

Da qualche giorno, ad esempio, una battuta disillusa mi rincorre su twitter, sugli status di FB e sugli SMS.

Santa Claus doesn’t exist, is mom & dad… sincerely, Wikileaks

Giusto, Babbo Natale non esiste e (r)esiste sempre meno via, via che ci allontaniamo dal 25 dicembre. Via via che ci rituffiamo nel nostro solito tran tran. La sua, in fondo, è sempre una storia a tempo, come  per lo spirito del Natale presente, immaginato da Charles Dickens in The Christmas Carol, diretto antesignano del San Nicola/Santa Klaus attuale nell’iconografia della tradizione.

Babbo Natale non resiste e, quello di Schapiro in particolare, starà già cercando un’altra occupazione perché la crisi, proprio come Santa Claus, non esiste ma forse c’è.  E ci vogliono robuste dosi di Haddon Sundblom, l’illustratore-cola  che ne ha codificato il mito a misura di sponsor (qui una bella galleria di Goldenagecomics), per continuare   a confidare nell’uomo che scende dal camino.

Annunci

5 pensieri su “Babbo Natale non (r)esiste”

  1. Lo spelling e’ errato. Santa Claus e’ americanissimo. Il nome proviene da una forma gerghesca di Sint Niklaus nell’olandese (gli abitanti della cittadina Sint Niklaus dicono ancora oggi ‘Sinter Klaus’ d’onde la forma americana di New York che fu Nuova Amsterdam prima della guerra del noce moscato).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...