Mettete Fiore nei vostri cannoni

Se avessi potuto essere al Festival di Giornalismo di Perugia in questi giorni, non mi sarei perso di certo l’incontro con il cartoonist  statunitense Mark Fiore.

Se n’era già parlato un annetto fa, quando questo vignettista satirico – ormai noto in tutto il mondo, per i suoi dissacranti controcanti animati alla politica USA – vinse il premio Pulitzer.

La sua vena irriverente gioca con tutti i registri espressivi, dal grottesco al patetico, e non fa sconti a nessuno: dal povero Obama al Giappone disastrato.

Non v’è dubbio che,  alcune volte, l’intento caricaturale finisca per sopraffare il buon gusto. Caratteristica che gli regala spesso feroci critiche e che, per esempio, gli ha causato una lunga querelle  poi sanata con quelli di Apple, rei di aver bandito i suoi cartoon politicamente scorretti dall’universo delle applicazioni  Iphone.

Che dire? Anche quando fa ridere a denti stretti, Fiore ha il pregio di non scadere mai nella banalità, di costringerti a pensare. Come, nel cartoon che potete vedere qui di seguito: per quanto le bombe possano diventare intelligenti,  ci ricorda Fiore, le guerre restano un esercizio di stupidità collettiva.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...