Tu chiamali se vuoi graphic novels

Hai detto che non ti importa molto del termine “graphic novel”.

Ho pensato che non avrebbe mai preso piede. E’ un termine tremendo. Non sono romanzi, la maggior parte di loro sono memorie, infatti. “Graphic” implica un romanzo illustrato, che non è quello che è.

Ho pensato che la gente avrebbe detto: “E’ un fumetto, perché stai cercando di fregarci?”. Invece ha funzionato: “Graphic Novels” ora significa qualcosa di molto specifico.

La gente sente queste due parole e le associa ad un tipo di libro che è generalmente adeguato. Mi arrendo, funziona. I ragazzi del branding hanno vinto.

Il cartoonist Daniel Clowes intervistato su MotherJones

Beh, visto che  vi ho già rotto le scatole parecchio sull’argomento  (qui, qui e qui),  stavolta mi limito a un sentito: grazie Daniel.

(citazione via Conversazioni sul fumetto)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...