Invasione

Ci siamo svegliati e le abbiamo trovate sul pavimento e sul piano della cucina.

All’inizio è prevalso il senso di stupore, la nausea, perfino il ribrezzo nel vederle assaltare pentole e bicchieri.

Un’ orda di formiche fameliche ha proiettato la nostra onesta casetta campagnola dentro un b-movie anni Cinquanta.

Inutile dire che abbiamo reagito come si reagisce in questi casi, sopraffatti dall’istinto di Mastro Lindo o dal riflesso di Pavlov Maroni, quando si tratta d’immigrati. Sterminio e distruzione!

Eppure, mentre schiacciavo a destra e manca, mentre bombardavo di  sgrassatore e disinfestante le loro truppe, è subentrata una strana sensazione.

Non so se al generale  Custer sia successo lo stesso a Little Big Horn, mentre gli indiani gli facevano il culo, ma più cercavo di arginare l’esodo di quel popolo di fottuti, ostinati, insetti  nella mia cucina, più cresceva l’ammirazione per il loro incredibile mondo.

In sottofondo mi sembrava di sentire la sigla di Quark: colonne di disciplinate soldatine che trasportavano briciole come  fossero un carico d’oro, il presente e il futuro della loro comunità.

Lo so che dovrò continuare a combatterle, che sarà una lunga guerra (come per la mia vicina di blog Goldie). Fa parte delle cose.

Ma non riesco a odiarle, ammesso che fosse stato davvero quello il sentimento all’inizio. Anzi provo quasi un senso di commozione per il loro istinto di collettiva solidarietà, di bene comune condiviso.

Qualcosa che abbiamo anche noi esseri umani, anche se spesso ce lo dimentichiamo. Anche se spesso preferiamo perderci nelle nostre idiozie quotidiane.

Advertisements

Un pensiero su “Invasione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...