Vedi il fondo e capisci cosa si muove laggiù

Devi sapere, infatti, che Indro s’irritava per le cose che non capiva; e detestava chi non voleva farsi capire.

Intere categorie, dagli storici ai critici letterari, hanno diffidato di lui.

Alcuni scambiavano la sua semplicità per semplicismo (senza rendersi conto che la propria complessità era confusione).

Altri pensavano: dev’esserci sotto qualcosa! E invece, sotto la scrittura e la logica di Indro, c’era solo il ritornello di una canzone di moda quando avevo la tua età: acqua azzurra, acqua chiara.

Leggi Montanelli, vedi il fondo e capisci cosa si muove laggiù.

Beppe Severgnini, Indro Montanelli 10 anni dopo.

Non amo Beppe Severgnini: un interista isterico (ma non vi fate ingannare, il calcio c’entra poco nella definizione e comunque sarebbe lungo da spiegare).  Però a Severgnini riconosco due meriti enormi: scrive molto bene ed è stato allievo di Indro  Montanelli.

L’articolo con cui ricorda il maestro del giornalismo italiano a dieci anni dalla scomparsa, per esempio, è una piccola chicca.

(Via Stradedifrancia)

Annunci

Un pensiero su “Vedi il fondo e capisci cosa si muove laggiù”

  1. scrive bene, non c’è che dire!
    ma anche montanelli era un ” maledetto toscano” per quanto, ai miei tempi, era come tutti genericamente un ” fascista “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...