La palla: dobbiamo seguire sempre la palla

Viveva per quello Peppe. Era giornalista. Un vero giornalista.

Con il carattere che aveva, la sua lealtà, il suo metodo – non a caso si era laureato in filosofia – era il migliore di tutti noi. Cronisti che viaggiavano nel profondo Sud per descrivere le facce sconce di coloro che se n’erano impossessati, denunciare i maneggi di quei politicanti amici dei boss.

Ma Peppe andava sempre oltre, scavava di più, “vedeva” sempre più lontano.

Arrivava su una strada per un omicidio eccellente o entrava in una stanza per intervistare qualcuno, con cura maniacale prendeva appunti, non perdeva mai tempo in cerimonie: “La palla: dobbiamo seguire sempre la palla”, mi diceva scherzando quando io o altri colleghi ci concedevamo una piccola distrazione.

Attilio Bolzoni, parlando del collega Giuseppe D’Avanzo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...