Che occhi grandi che hai!

Tutti conosciamo la fiaba di Cappuccetto rosso con il finale che i Fratelli Grimm gli hanno dato: quella con il cacciatore “libera tutti”, nonna, nipote e lupo famelico spedito al creatore, con una pietra nello stomaco.

Non tutti ricordano invece che nella versione settecentesca di Charles Perrault, la fiaba chiudeva in tragedia: il lupo si mangiava Cappuccetto rosso e stop. Con tanto di morale minacciosa in calce al racconto: avete visto che succede alle bambine cattive che non rispettano le indicazioni dei genitori?

La distanza tra le due versioni, quella più cupa, e quella più edulcorata, è la distanza tra due epoche e due morali diverse. Perrault scriveva per il pubblico di corte, anche se le sue storie vestivano la forma del racconto infantile e innocente, si rivolgevano comunque a un’audience adulta ed ammiccante.

I Grimm, invece, scrivevano con chiari intenti pedagogici, sapevano che la favola sarebbe diventata uno strumento educativo in mano a genitori, ansiosi di allietare il figlio con le storie della buonanotte.

La morale cambia e le storie a volte si modificano con essa.

Mi viene in mente tutto questo, mentre leggo le ultime dichiarazioni del cardinale Bagnasco e mi chiedo, ma davvero bisognava aspettare vent’anni per prendere le distanze da B?

Sul serio, servivano conversazioni private, rubate al telefono, perché la morale cristiana della Chiesa entrasse in conflitto con quella di un imprenditore televisivo ed un uomo politico che da vent’anni racconta pubblicamente al paese di veline, letterine e miracoli italiani?

Insomma, la favola di Cappuccetto Silvio resta la stessa, ma il giudizio morale sembra cambiare  perché sono caduti certi compromessi formali  (la famiglia, il matrimonio, etc.) che fino a ieri mettevano (?) al riparo B da ogni evidenza cattolica.

“Nonna che occhi grandi che hai…!!!”

“Per guardarti meglio, bambina mia… “

Come no.

Annunci

3 pensieri su “Che occhi grandi che hai!”

  1. a dire il vero, conosco una terza versione del finale. alle domande incalzanti della piccola rompiscatole, il lupo, spazientito, risponde: 😀
    cretinate a parte la domanda che ti poni, e che, ritengo, ci poniamo tutti, è legittima: ci volevano 20 anni? secondo me è tempo di avvento e anche la chiesa si prepara – o prepara il campo a chi intende sostenere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...