Quel signore con le pantofole e la pipa

Non ho fatto in tempo a essere comunista.

Il Muro è crollato quando ancora la massima rivoluzione che riuscivo a sognare  era la Juve schierata a zona invece che a uomo.

Lo confesso: ho sempre provato una certa invidia politica per mio nonno e per tutti quelli che erano comunisti perché Enrico Berlinguer era una brava persona.

Così, oggi, mi sono ritrovato interamente  (vignette di Forattini comprese) nel   commovente post-graffiti che Giuseppe Civati   ha dedicato al ricordo di quel signore con le pantofole e la pipa:

Tanti anni fa

Ero piccolo, e non capivo granché di politica. Guardavo le vignette di Forattini, su Repubblica. E cercavo di capire chi fossero quei signori anziani che vi erano ritratti.

Mi piaceva soprattutto Longo, il socialdemocratico, nelle fattezze di uno scimmione con gli occhiali. Non mi piaceva Craxi, già allora, per via degli stivali e del tratto volitivo. Che allora non lo sapevo, che cosa volesse dire volitivo.

Il resto qui. Da stampare, ritagliare e farci la cornicetta.

2 pensieri su “Quel signore con le pantofole e la pipa”

  1. berlinguer cercava una strada per avvicinarsi con i moderati (non mafiosi). ma quello che sta facendo oggi il pd non c’entra assolutamente nulla con quel suo desiderio/tentativo di unione ai cattolici…

    1. L’alleanza con l’UDC è un suicidio politico e un’idiozia dal punto dei vista dei contenuti. Per cui, conoscendo ormai la straordinaria lucidità della classe digerente del PD, temo che la faranno…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...