Battaglia Leomacs Recchioni

Come far diventare un fumetto “cult”

Tante volte per capire come funzionano i media basta una piccola storia.

Permette che ve ne racconti una che parla di (tanto per cambiare) di fumetti?

Una ventina di anni fa, Roberto Recchioni e Leomacs diedero vita a un personaggio “Battaglia”, per certi versi interessante, di sicuro curioso. Pietro Battaglia è un vampiro italiano, nel senso che sono italiani gli autori, ma è italiana (ed inedita, visto il genere) anche l’ambientazione, prima storica e poi contemporanea, delle sue storie. Il personaggio ha avuto una vita editoriale travagliata, come hanno raccontato di recente gli stessi autori al COMICON di Napoli, nell’annunciare una nuova serie che punta a rilanciarlo. Sin qui, tutto nella norma.

La cosa interessante è il battage che accompagna la resurrezione di questo italico succhiasangue. Prendete questo articolo entusiasta, pubblicato da tg com, qualche tempo fa:

 Personaggio cult del fumetto italiano

Appena l’ho letto, sono rimasto sorpreso. Voglio dire “cult” è una definizione importante che implica un valore di originalità, se vogliamo anche di qualità speciale. Visto che, a suo tempo, avevo letto le storie e non ne ero stato così folgorato, mi sono chiesto se non avessi preso un abbaglio, o semplicemente se i miei gusti non coincidessero con quelli dell’articolista… Così, mi sono messo a cercare in rete, altri pezzi sull’argomento.

Storia di un cult

Risalendo al 24 marzo, su comicsblog ho ritrovato gli stessi termini entusiastici.
Salvo che lo stesso giorno anche “Lo Spazio bianco”, nel riportare la notizia con la stessa definizione di valore, chiariva che  il termine “cult” arrivava non da un giudizio critico ma dal un comunicato stampa della casa editrice della nuova serie.
La cosa ancora più curiosa è che se uno si prende la briga di proseguire la ricerca da gambero su su google, scopre che la cosa era accaduta già in precedenza…
Pensate che “XL di Repubblica” a febbraio 2014, a proposito della ristampa del personaggio, strombazzava anch’essa
Le avventure di un personaggio cult del fumetto italiano
 Stessa cosa… a Gennaio 2014  anche sul Corriere della Sera... (Caspita).
Se però ci si prende la briga di confrontare altre fonti, come anticipavo, anche qui ci si accorge che la definizione arriva sempre da un comunicato stampa della casa editrice.
Quindi in definitiva, gli unici che parlano di “cult” a proposito di “Battaglia” da almeno due anni, sono i suoi editori.

..O quasi

 In tutto questo, ho trovato una sola recensione seria quella di Salvatore Cerasio (febbraio 2014) che su “Lo Spazio bianco” associa al fumetto di Recchioni e Leomacs, il termine “cult” ma chiarendo molto bene il senso  della definizione:
Personaggio forte, quasi un cult dell’editoria a fumetti italiana, visto il buon numero di volte in cui sono state ristampate le sue storie…
 Certo da questo punto di vista si può parlare di quasi cult e, aggiungo io, anche di fortuna editoriale vampiresca, visto che tante opere di “culto” di autorucoli come Micheluzzi o De Luca per anni hanno fatto fatica a trovare qualche editore disposto a ristamparle, al contrario di Pietro Battaglia.
Aggiungo che in Francia, dove il personaggio è stato pure pubblicato, nessun articolo o recensione cita l’opera come “cult”.
Dico tutto questo non per criticare chi quei comunicati stampa li ha realizzati o gli autori che  promuovono la loro opera (“Oste, com’è il vino?”), ma per registrare come certi (corto)circuiti mediali possano prodursi sotto i nostri occhi, senza nemmeno accorgersene.
Se qualcuno domani, in cerca di notizie sul personaggio, ad esempio si fermasse a quello che hanno scritto testate autorevoli come Repubblica o Corriere della Sera, chi potrebbe negare che Battaglia rappresenti davvero un “cult”?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...