Back to the future

Grande Giove! (di storie senza tempo)

Lo scorso luglio ha compiuto trent’anni il film di Robert Zemeckis Ritorno al Futuro, un autentico cult  per chi è cresciuto come me negli anni Ottanta, e più in generale per gli amanti di quel particolare filone della fantascienza che è il viaggio nel tempo.

Ma la data fatidica per tutti i cultori della trilogia di Zemeckis è proprio oggi: 21 ottobre 2015.

Era la data indicata sul display della mitica “auto del tempo”  DMC-12 con flusso catalizzatore, fabbricata da Doc. Tanto che con un poca di nostalgia mediatica, così tipica delle nostre generazioni, e un pizzico di marketing marpione, oggi in tutto il mondo celebriamo il “Back to the Future Day“.

Ritorno al Futuro

Sì, viaggiare (nel tempo)

Cosa renda i cult “così cult”, è sempre difficile stabilirlo. Certo è che la trilogia di Ritorno al Futuro ha avuto la capacità di rinverdire un tema affascinante, da sempre ricco di suggestioni per tutti i fabbricanti di storie.

A parte l’antesignano letterario The Time Machine  di H.G.Wells, vero e proprio prototipo del genere, cito alla rinfusa qualche titolo, giusto per darvi una idea della varietà degli spunti.

Per la narrativa di genere, vale la pena menzionare il ciclo di storie de La pattuglia del tempo di Paul Anderson, dedicata a uno speciale corpo di polizia cronotemporale chiamata a salvaguardare gli equilibri della storia da manomissioni e abusi.

In tivvù, ricordo una meravigliosa serie degli anni Sessanta the time tunnel che , rivista oggi, si fa apprezzare più per il suo sapore vintage, anche a livello scenografico, ma che all’epoca era assolutamente godibile. Tre lustri più tardi, è arrivata Quantum Leap, serie forse non originalissima nelle trame degli episodi, ma assolutamente straordinaria nel raccontarci la storia recente americana, attraverso le avventure di un viaggiatore “cronospirituale”.

Perfino il tenutario di questo blog, quando la sua principale attività era quella di sceneggiatore, si è ritrovato a scrivere una curiosa serie di cartoni animati per bambini, questa, incentrata su cinque cuccioli di dinosauro che viaggiano avanti e indietro nelle diverse epoche storiche.

back-to-the-future_3478215b[1]

Fu un gran divertimento, perché di baby dinosauri sapevo poco, ma per le avventure temporali ho sempre avuto una gran  passione.  Il meglio (si fa per dire) penso di averlo dato in un episodio della seconda stagione in cui li inviavo i giovani protagonisti  indietro nel tempo, dove  finivano per incontrare il saggio sciamano che, in futuro, avrebbe fatto loro da guida.

Nano sulle spalle dei giganti, insomma cercavo di raccontare con ironia uno di quei paradossi su cui lo storytelling  dedicato ai viaggi nel tempo si è sbizzarrito ( e che è anche alla base di Ritorno al Futuro):

Cosa accade se durante il viaggio all’indietro finisci per modificare la tua stessa vita?

In fondo, a pensarci bene, la suggestione del genere sta proprio in questo tipo di fantasia.

Gli scienziati non hanno ancora trovato una tecnologia concreta per realizzare un viaggio (sul  suo blog il fisico Amedeo Balbi ha riflettuto qualche anno fa dal punto di vista scientifico sulla possibilità/impossibilità di farlo), ma state pur certi che, fin quando questa possibilità non si concretizzerà, continueremo a sognarlo.

Perché il viaggio nel tempo è il nostro modo narrativo di riaprire porte che nella realtà abbiamo già chiuso. Perché abbiamo tutti nel bagagliaio della nostra De Lorean ricordi, rimpianti e passioni. In fondo sono questi sentimenti la vera “macchina del tempo” di qualsiasi essere umano.

3 pensieri su “Grande Giove! (di storie senza tempo)”

  1. Un sogno di tutti viaggiare nel tempo. Quante volte passeggiando in una città o luogo particolare ho pensato a “come doveva essere” a “come vorrei tornare in dietro a vedere…” E una serie sui dinosauri viaggiatori nel tempo la guarda ancora mia figlia, ma credo sia inglese

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...