tumblr_mnc4p3u5ep1rphtnfo1_1280

Ho toccato la Luna, anzi lei ha toccato me

Ieri ero con il naso appiccicato a una teca trasparente. Guardavo da vicino un autentico campione di roccia lunare,  portato sulla Terra dagli astronauti della Missione  Apollo 14 nel 1971, e pensavo che era davvero incredibile.

A guardarlo, certo, sembrava come dicono dalle mie parti con accento di Oxford, un “sercio come n’artro”. Un sasso qualunque, per rispettare la lingua italiana.

Ma non lo è.

Quel “sasso” è un viaggio a ritroso nello Spazio e nel Tempo, nella storia dell’Universo e nella storia dell’Uomo che è capace di atrocità inenarrabili ma anche di imprese incredibili quali

la conquista della Luna

4-rockwell-lookmag-10jan67-1200-630

Nelle scorse settimane, ho passato giorni e serate ad approfondire la conoscenza delle missioni Apollo per organizzare in azienda una tappa  del tour “Ti porto la Luna” che l’esperto Luigi Pizzimenti (per i dettagli vi rimando al suo blog) sta portando in giro per l’Italia.

Al di là di qualsiasi disquisizione politica  sulla “Corsa allo Spazio” tra USA e URSS, quello che resta davvero dell’avventura Apollo oggi è soprattutto l’incredibile miscela  di tecnologia, abnegazione e coraggio degli uomini che arrivarono sulla Luna e dei migliaia che li aiutarono a farlo.

L’audacia di chi ha consacrato la vita  – in alcuni casi sacrificato – per realizzare un’impresa che fino a pochi anni prima sembrava impossibile per l’intera umanità:

Camminare sulla Luna

schermata2b2015-12-112balle2b11-36-35

Luigi Pizzimenti  e l’altrettanto bravo Paolo D’Angelo hanno rievocato l’avventura Apollo in una conferenza appassionata che riusciva a far palpitare quel pezzo di roccia come un cuore. Riusciva a farlo  respirare di quel fiato che tutti trattenevano allora, davanti alla radio e alla tivvù, ascoltando le cronache delle missioni .

E, alla fine dell’incontro, altrettanto incredibili della roccia  mi sono suonate le domande che i bambini hanno rivolto ai relatori. A volte disarmanti, a volte surreali, a volte incredibilmente profonde nella loro tenerezza.

In questi casi, si è soliti dire che, tra quegli gnappetti (compreso il mio cucciolo), ci sono  gli astronauti che domani torneranno sulla Luna o  atterreranno su Marte.

Fatico a crederlo, visto che ormai sogni spaziali così grandi sembrano scomparsi dall’agenda concreta dei governi e delle nazioni.

kid astrnaut

Ma, poi, guardando

gli occhi di un bimbo di fronte a un pezzo di Luna

mi viene da dire che in fondo non conta.

Non conta che il mondo dia a questi bimbi l’opportunità economica di realizzare certe imprese,  non conta nemmeno che oggi manchino le tecnologie per concretizzarle.

In fondo oggi, come in quel febbraio del 1971 in cui gli astronauti dell’Apollo 14 raccolsero  il campione di roccia, l’unica cosa che porta davvero avanti il progresso umano è la speranza.

E se ieri, di fronte a quel piccolo pezzo di roccia, un bambino ha iniziato a strabuzzare gli occhi e a immaginare, a pensare che anche i sogni più incredibili possano diventare realtà, possiamo continuare a sperare.

P.s.

Il nostro evento era riservato, come è bello per un’azienda spaziale, ai miei colleghi e alle famiglie, ma se avete l’occasione vi invito a partecipare a uno degli eventi del tour. Ne vale la pena.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...