Stazione Spaziale Internazionale

Una magia chiamata ISS

Lo ammetto. Per chi come me, a malapena, riesce a cambiare una lampadina, la tecnologia spaziale ha qualcosa di magico…

Ancora oggi, dopo quindici anni di lavoro in una delle più grandi aziende del settore, resto sempre affascinato dal racconto che i miei colleghi, tecnici e ingegneri,  mi fanno dei loro progetti.

E di tutte le cose magiche che la gente dello Spazio  è riuscita a realizzare nel tempo, la Stazione Spaziale Internazionale di cui oggi celebriamo i vent’anni di vita operativa, è di certo la più fascinosa.

Quella stella aggiunta al cielo, che a volte perfino a occhio umano si può veder brillare di notte, a 400 km dalla Terra, resta qualcosa di unico.

Me l’hanno spiegato come fa a stare lassù. Penso anche di averlo capito “tecnicamente” (e questo, per il sottoscritto, è già un mezzo miracolo). Ma resta il fatto che una parte di me continua a considerarla una magia.

La magia d’una città dove gli uomini sanno già volare

Sarà perché mi ricorda la città degli “Uomini Falco” nel fumetto di Flash Gordon oppure le fortezze volanti dei cartoni animati giapponesi o dei fumetti di supereroi con cui sognavo da bambino. Sarà semplicemente perché lassù gli astronauti non ci abitano coi piedi per terra, ma “galleggiano” dentro quei moduli pressurizzati, eccellenza mondiale della nostra azienda, frutto del lavoro di tanti colleghi nel nostro sito di Torino

Quelli bravi vi direbbero che “il galleggiare” in termini scientifici si definisce “microgravità” ed è la particolare condizione della vita in orbita. Ma sapete la cosa curiosa? Qualche anno fa, ho avuto la fortuna di intervistare uno che sulla ISS c’è stato ben due volte, l’astronauta italiano Roberto Vittori. E quando gli chiesi di descrivermi  cosa si provava in quelle condizioni, lui usò proprio il termine “magia” , per raccontarmi di come la microgravità cambia persino la percezione del corpo umano rispetto alla realtà.

ISS: la magia dell’insieme

E poi c’è qualcosa di magico e di fiabesco, persino nel modo, in cui si vive sulla ISS. Lassù da vent’anni, uomini e donne di Paesi diversi lavorano insieme in armonia per sperimentare cose nuove, per il progresso di tutto il genere umano.

Laddove la corsa alla Luna aveva rappresentato la “gara” politica, oltre che economica e tecnologica tra due blocchi del mondo contrapposti, la ISS è nata e si è sviluppata invece sul piano di una grande cooperazione internazionale inclusiva.

E mentre sulla Terra, abbiamo continuato in questi vent’anni a raccontarci un mondo fortemente  conflittuale, lacerato da mille tensioni politiche, economiche e sociali, lassù tra le stelle  gli astronauti ci hanno ribadito le ragioni e le opportunità di una umanità coesa da grandi valori positivi.

…Mai come nello Spazio ti accorgi che i confini non esistono. Dall’alto l’Europa è un reticolo di luci, collegamenti, i cui confini sono solo dentro le menti delle persone…

Ha raccontato un altro astronauta italiano, Luca Parmitano, rievocando quello che si prova a guardare il nostro pianeta dalle finestre di Cupola, il modulo osservatorio sviluppato anch’esso in Italia.  Una vista che ispira tutti gli inquilini dell’avamposto spaziale, come il creativo canadese Chris Hadfield che lassù tra le stelle ha trovato il tempo di cantare “Spade Oddity” di David Bowie. Perché la Stazione Spaziale Internazionale è…

una incredibile miscela di realtà e immaginazione e arte e magia.

Parola di Major Tom.

1 commento su “Una magia chiamata ISS”

  1. hai descritto alla perfezione quel che anche per me rappresenta la ISS: cooperazione, coraggio, magia… ed è sempre stato un privilegio ascoltare le voci di chi ha fatto parte di quel piccolo gruppo di extraterrestri che sotto molti aspetti ha più umiltà ed umanità di chi resta coi piedi per terra. tante volte mi sono incantata a guardarne i passaggi nelle sere serene e a fotografarla, e se per molti quella striscina nel cielo che mi ostino a postare non significa poi così tanto, per me è ogni volta una specie di miracolo: la perfezione dei calcoli che la tengono lassù, l’armonia di quel vascello silenzioso che “cade” incessante intorno alla terra, la bellezza della vista del nostro pianeta senza più confini, la consapevolezza della sua fragilità, protetto da un impalpabile velo di atmosfera… vabbè, potrei continuare per ore 😀 Buon compleanno alla ISS!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...