Archivi tag: critica

Effetto Paperica

Da piccolino, quando “l’hannodettoallativvù” era ancora un valore per me, c’era un giornalista del   telegiornale di cui  non perdevo un solo servizio dedicato al fumetto e all’animazione.

Accadde un sabato  che gli sentii recensire Fuga dal mondo dei sogni di Ralph Bakshi in uscita in quei giorni sugli schermi italiani.

Il giornalista ne parlò benissimo e io, incantato, mi precipitai il pomeriggio stesso a vederlo, con i soldi della paghetta settimanale.

Diciamolo chiaro: la pellicola era/è una ciofeca mostruosa, nonostante l’avesse fabbricata un abile artigiano dell’animazione non disneyana. Ma quello che mi sorprese davvero, fu ritrovare  il giornalista del TG, seduto due file avanti a me nel cinema.

Continua a leggere Effetto Paperica

Con quale coraggio

Leggo e rileggo la frase:

un autore che con un solo libro è riuscito a cambiare il destino di un genere letterario, il fumetto, togliendolo dalle paludi delle cosiddette pratiche basse e innalzandolo alla dignità di letteratura

Mi dico: non è possibile. Non è possibile che si scriva su un quotidiano a diffusione nazionale una simile castroneria, senza che nessuno venga a chiedertene conto.

Non perché Art Spiegelman, con il suo Maus, non meriti di essere celebrato per il grandissimo autore che è (anche da queste parti, nel nostro piccolo, lo si è fatto, più di una volta).

Ma il fumetto, pur senza entrare nelle  dotte disquisizioni dei filologi del medium, ha almeno cento anni di storie alle spalle. Prima di Spiegelman,  mi vengono in mente almeno venti nomi di cartoonist che hanno fatto la storia dei comics, regalando ai loro lettori emozioni colossali, avventure incommensurabili, interi mondi da sognare.

Si può liquidare tutto questo come “pratiche basse”?  E quale commentatore potrebbe permettersi di essere così categorico se stessimo prendendo in esame la storia della letteratura o quella della pittura, invece che (banali) fumetti?

Continua a leggere Con quale coraggio

Li mejo fumetti

Ne avevo parlato e io stesso mi sono divertito a prndere parte al  “sondaggio” internazionale per aficionados  indetto da The Hooded Utilitarian per  stabilire i migliori fumetti di sempre.

Le classifiche non possono essere che un gioco. Comunque le opere nei primi dieci posti sono tutte assolutamente straordinarie.

Una lista molto bella e anche raffinata, rispetto a quella pop e sentimentale proposta dal sottoscritto.
Però, davvero, stiamo parlando di storie meravigliose.

Lo Spazio c’è

Il nuovo logo del sito, creato da Squaz

Lo Spazio Bianco, rivista in rete dedicata ai linguaggi del fumetto, riparte oggi qui con una nuova veste grafica (a partire da un logo molto bello creato da Squaz), e una rinnovata impostazione dei contenuti, fedele comunque alla passione onnivora per il medium che ha sempre contraddistinto questa spazio di riflessione e discussione.

Di più non dico, perché sono in pieno conflitto d’interessi, visto che mi trovate alla voce collaboratori.