Archivi tag: democratici

“P” come Primaridi

Era il 2009, esattamente 10 anni fa. All’epoca collaboravo con una rivista politica online che si chiamava Imille. La rubrica si chiamava “Vocabolario democratico” e ogni post era la voce di un ironico dizionario della politica italiana.

Di tutti i pezzi scritti, e di altri mai pubblicati che giacciono già scritti ancora in un cassetto digitale, questo sulle “Primarie” resta quello cui sono più affezionato. Ed oggi, visti i sorprendenti dati dell’affluenza alle Primarie democratiche, mi fa piacere riproporvelo. Perché, seppure con ironia e autoironia, racconta qualcosa di bello e vero su questa folle, sgarrupata, tenace, gente democratica.

“P” come Primaridi

Popolazione indigena scoperta dall’esploratore Romano Prodi nel 2005.
I “Primaridi” o “Homo Votans”, come li definisce il vocabolario etnografico Ceccanti-Vassallo, discendono dalla specie dei Compagnus Inscriptus, che già abitava in epoche antiche l’Emilia Romagna, l’Umbria e la Toscana. Da lì si sono poi diffusi in tutto lo Stivale.

Creature miti, portate al dialogo, i Primaridi, sono attirati da tutte le forme di democrazia diretta, dalla selezioni del candidato Premier a quelle per l’amministratore di condominio. Perfino in ambito famigliare, i Primaridi praticano elementari ma democratiche forme di votazione per stabilire chi deve portare fuori il cane o nonna dal dottore.

Ma è nei giorni delle cosiddette Primarie, che questo popolo offre il meglio della sua tradizione. Trattasi di giganteschi happening collettivi, in cui i Primaridi, abbandonata la tranquillità delle loro dimore, si riversano a milioni in strada, per scegliere il loro capo.

Di solito, si assembrano a frotte in circoli, bocciofile e gazebo, ma anche una cabina telefonica in disuso, basta al Primaride pur d’esprimere la sua genuina, debordante, incontinenza elettorale. Caso unico al mondo, infatti, il Primaride è disposto a pagare uno o due euro, o cinque euro, pur di esercitare questa sua peculiare attività.

Al termine di questi appuntamenti di festa, il popolo tende compostamente a rientrare nelle proprie abitazioni, fino al successivo appuntamento elettorale. Cosa facciano fra una elezione e l’altra i Primaridi è un mistero che gli antropologi non hanno ancora chiarito. Così, spesso, nascono voci di una presunta estinzione della specie, regolarmente smentite dalle Primarie successive.

La verità è che nel mondo contemporaneo, l’entusiasmo di questo popolo, così fiducioso nelle sue ingenue credenze – quali il rispetto della costituzione, la democrazia partecipata, il confronto delle idee – mette a dura prova il disincanto dei cinici. Perché che piova o tiri vento, che sia il 15 agosto o il 25 dicembre, per quante delusioni i capi gli diano, il Primaride non si arrende mai. Egli torna a votare, perché, come canta il poeta: “libertà è partecipazione”

Pubblicato la prima volta il 17 novembre 2009 su “Imille”
http://www.imille.org/2009/11/p-come-popolo-delle-primarie/#more-3459

Oltre la collina: aiutiamoli a casa loro, ovvero a casa nostra

…In poche ore, l’aereo che mi ha portato qui ha attraversato oceani e paesi che sono stati crogiolo della storia dell’umanità. In pochi minuti abbiamo seguito le tracce delle migrazioni degli uomini nel corso di migliaia di anni; in pochi secondi abbiamo passato campi i battaglia dove milioni di uomini hanno combattuto e sono morti.

Non abbiamo visto nessun confine nazionale, nessun vasto golfo o alte mura che dividono le popolazioni; solo la natura ed il lavoro dell’uomo – case, fabbriche, fattorie – che riflettono lo sforzo comune di arricchire la propria vita…

 Solo un uomo attaccato alle cose terrene può ancora aggrapparsi alla buia ed avvelenante superstizione secondo cui il suo mondo è delimitato dalla collina più vicina, il suo universo finisce alla rive del fiume, la sua comune umanità è racchiusa nello stretto circolo di quelli che condividono con lui città, vedute e colore della pelle.

Nel 1966 Robert Kennedy, in Sud Africa,  pronunciò uno dei più bei discorsi della sua (troppo breve) carriera politica.

Era un discorso che parlava di immigrazione e progresso, di civiltà e diritti. Mi è tornato in mente l’altra sera, mentre sui media infuriava la polemica su “aiutiamoli a casa loro” di Matteo Renzi.

Non entro nel merito della questione – l’hanno fatto persone ben più titolate di me –  quello che personalmente mi colpisce su tutto, ancora una volta, è l’assoluta – sconvolgente – mancanza di orizzonte del paese e della sua classe dirigente.

Guardate, se vi andate a leggere con attenzione il discorso di Kennedy, vedrete che in fondo un “aiutiamoli a casa loro” c’è anche nelle sue parole.

Ma è un “aiutiamoli a casa loro” concreto e realista, che parte da una banale annotazione  (già nel 1966, figuriamoci oggi oltre 50 anni dopo):  non esiste più alcun confine fisico in grado di separare gli abitanti del pianeta. Insomma, casa loro è anche casa nostra (e viceversa).

Magari, la spiegazione può non convincere tutti. Magari si possono  proporre soluzioni meno “buoniste” (o presunte tali)  e più ciniche.  Ma dubito che si possa farlo, senza trovare il coraggio di guardare davvero oltre la collina più vicina.

 

 

Ai poster l’ardua sentenza

Ieri sera, ascoltando Matteo Renzi dire di come a 16 anni avesse staccato tristemente il poster di Baggio dalla parete della cameretta, il giorno in cui il Divin codino passò alla Juve, non ho potuto fare a meno di pensare a come è strano il mondo. Mentre lui staccava, io e il Gaucho appendevamo felici il nostro con la nuova maglia.

E’ il calcio, è il campanile ma non dovrebbe essere, per esempio, la politica. Almeno per un progressista che va alla ricerca di quella felicità bella se condivisa di cui cantava Gaber

E invece il giorno dopo il confronto televisivo delle Primarie PD, in giro leggo solo commenti da fan:

“Quello è stato più bravo… Quell’altro non sa comunicare… Quell’altro ancora è troppo vecchio…”

Come se alla fine stessimo parlando ancora di poster da appendere nelle camerette e non della ricerca di un leader autentico per il più grande partito del centrosinistra italiano.

Il confronto – a mio avviso – non è stato granché, ma alla fine mi chiedo: è un limite solo dei tre davanti alla telecamera, o anche nostro come Generazione, come Comunità, come Paese?

…Che tu sei qui

O me, o vita! domande come queste mi perseguitano:
degli infinti cortei d’infedeli, di città gremite di stolti,
di me stesso sempre a biasimare me stesso, (perché chi più stolto di me, chi di me più infedele?)
di occhi che invano anelano la luce, del significato delle cose, della lotta che sempre si rinnova,
degli infelici risultati di tutto, delle sordide folle ansimanti che vedo attorno a me,
degli anni inutili e vacui degli altri, e di me intrecciato con gli altri,
la domanda, ahimè! così triste, ricorrente – Cosa vi è di buono in tutto questo, o me, o vita?

Risposta:  
Che tu sei qui – che la vita esiste, e l’identità.

Che il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuirvi con un verso.

Walt Whitman, “O Me! O Vita!”

(E poi, se avete tempo e non l’avete ancora fatto, ascoltatevi il suo discorso finale da Presidente).

L’avidità ha avvelenato i nostri cuori

Mi dispiace. Ma io non voglio fare l’imperatore. No, non è il mio mestiere. Non voglio governare, né conquistare nessuno; vorrei aiutare tutti se è possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi, esseri umani, dovremmo aiutarci sempre; dovremmo godere soltanto della felicità del prossimo. Non odiarci e disprezzarci l’un l’altro.
In questo mondo c’è posto per tutti: la natura è ricca, è sufficiente per tutti noi; la vita può essere felice e magnifica.
Ma noi lo abbiamo dimenticato.
L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, ci ha condotto a passo d’oca a far le cose più abiette.
Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi; la macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà; la scienza ci ha trasformato in cinici; l’abilità ci ha resi duri e cattivi.
Pensiamo troppo e sentiamo poco.
Più che macchinari, ci serve umanità.
Più che abilità, ci serve bontà e gentilezza.
Senza queste qualità, la vita è violenza, e tutto è perduto. L’aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti. La natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà dell’uomo, reclama la fratellanza universale, l’unione dell’umanità. Perfino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo, milioni di uomini, donne , bambini disperati.
Vittime di un sistema che impone agli uomini di torturare e imprigionare gente innocente.
A coloro che mi odono, io dico: non disperate, l’avidità che ci comanda è solamente un male passeggero. L’amarezza di uomini che temono le vie del progresso umano, l’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori. E il potere che hanno tolto al popolo, ritornerà al popolo.
E qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa.
Soldati! Non cedete a dei bruti! Uomini che vi sfruttano! Che vi dicono come vivere! Cosa fare! Cosa dire! Cosa pensare! Che vi irreggimentano! Vi condizionano! Vi trattano come bestie! Non vi consegnate a questa gente senza un’anima!
Uomini macchina, con macchine al posto del cervello e del cuore.
Voi non siete macchine, voi non siete bestie, siete uomini!
Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore. Voi non odiate coloro che odiano solo quelli che non hanno l’amore altrui.
Soldati! Non difendete la schiavitù! Ma la libertà!
Ricordate,
Promettendovi queste cose dei bruti sono andati al potere: mentivano, non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno. I dittatori forse son liberi perché rendono schiavo il popolo. Allora combattiamo per mantenere quelle promesse! Combattiamo per liberare il mondo, eliminando confini e barriere! Eliminando l’avidità, l’odio e l’intolleranza! Combattiamo per un mondo ragionevole; un mondo in cui la scienza e il progresso, diano a tutti gli uomini il benessere. Soldati! Nel nome della democrazia siate tutti uniti!

Charlie Chaplin, Il grande dittatore – Discorso all’umanità

Governo al cioccolato, dolce e un pò salato

"Gelato Italia" Mauro Biani - Il Manifesto

E’ trascorso qualche giorno e, ormai, per i tempi dell’informazione e della politichetta è roba già vecchia.

Qui il riassunto, via storify, per chi si fosse perso qualche puntata, tra copertina dell’Economist, show in risposta del Presidente del Consiglio – con tanto di sponsor – e ironie varie sui social media.

A botta calda (e a gelato freddo), ho cercato di mordermi lingua e tastiera: in fondo i problemi sono altri.

Sì, appunto, i problemi sono altri. Ma, a pensarci bene, se il “il primo cittadino” del paese trova il tempo di sperperare una conferenza stampa nel cortile di Palazzo Chigi, per rispondere ad una vignetta caricaturale, forse i problemi sono anche nostri.

Ed a me resta il dubbio che la forma – a volte – sia sostanza. Che la civiltà di un paese non la misurano solo i punti del PIL o gli indici di Borsa,  ma nemmeno i numeri dello “Scer” in prima serata televisiva, i “laik” su Feisbuc o la quantità di “follouérs”.

Per anni ci siamo indignati – e a volte vergognati – di un premier che ci rappresentava nel mondo a barzellette e puttanate. Se ci fosse ancora lui a Palazzo Chigi, che cosa avremmo detto di una pantomima del genere? E cosa avremmo detto di un responsabile della Comunicazione del partito del premier che,  in risposta alle critiche, posta una roba così?

Nicodemo gelato

Vale la pena rifletterci, giusto per comprendere la qualità della storia politica che ci stanno raccontando da qualche tempo e che, sembra, dovremo sorbirci per almeno tre anni. Ah no, scusate, sono solo #1000giorni.

Domani

better_with_pippo

Allora, che dice Civati?

E’ la domanda che tutti mi fanno di più in queste settimane.  Come  se  fra  me e il candidato alla segreteria del PD ci fosse chissà che conoscenza approfondita. Per la verità, io “di persona personalmente” – come direbbe il Catarella di Camilleri – ho incontrato Civati una sola volta in  tutto questo tempo a una Festa democratica, in cui lo straordinario confronto tra noi è stato un “ciao”.

Ma sì, lo ammetto, negli ultimi mesi ho rotto parecchio le scatole su questa  storia delle Primarie democratiche agli amici sui socialcosi, a quelli che incontro nella vita di tutti i giorni,  a qualche collega nelle pause pranzo. Ho anche regalato l’ultimo libro del “Ciwati” nazionale  a destra e manca, come facevano certi giocatori brasiliani religiosi con le Bibbie prima delle partite….

Ora ci siamo.  Domani  si vota. E, allora, perdonatemi, se ancora per qualche ora continuerò a rompere.

A ripetere che che abbiamo l’occasione unica e rara di votare per un candidato che fa quello che dice. Che in questi mesi ha dimostrato, con i comportamenti,  una coerenza e un coraggio politico impressionante  a costo di inimicarsi i potenti di quel partito, che vuole rinnovare sul serio, non con slogan da Mulino Bianco anni Ottanta, buoni per tutte le stagioni.

L’unico nel PD che non ha grandi sponsor e “signori delle tessere” che lo sostengono, ma “solo” tante persone comuni, come gli piace dire:

nessuno dietro e molti davanti

Davanti, soprattutto, tanti ragazzi e ragazze di vent’anni. E’ questa la cosa impressionante, in-credibile per i tempi che viviamo e che sembrano distruggere ogni passione.

Pippo è riuscito a coinvolgerli perché ha mostrato a tutti, in termini di linguaggio e di idee, quanto questa battaglia appartenga più a loro che  non a persone come me e lui che abbiamo quarant’anni e che solo in un paese gerontocratico come questo possiamo ancora passare (inspiegabilmente) per “giovani”.

Invece, il presente e il futuro sono di questi uomini e donne che sono democratici per anagrafe, ancor prima che per statuto. Che non sono incattiviti come tanti di noi, fratelli maggiori, zii, padri  da vent’anni di delusioni progressiste. Loro che possono dirsi davvero essere “per” qualcosa, perché non sono abbarbicati all’essere “ex” qualcosa.

Loro, soprattutto,  che non si vergognano di usare con orgoglio, quella parola nuova e al tempo stesso antica, comunque bellissima che è “Sinistra”. Parola che è valore per quello che si porta dentro, anche se molti di noi hanno finito per dimenticarlo, contagiati dall’idiozia del berlusconismo.

Ecco, domani,  #civado a votare insieme a questi ragazzi. Per il loro futuro, per quello della cucciola di Civati e del mio cucciolo.

Lo so che, dopo tante batoste e amarezze – comprese quelle che ci sta dando il governo Lettalfano – , la tentazione di arrendersi al “Tanto è tutto inutile. Tanto sono tutti uguali.” c’è ed è forte. Ma se stavolta fosse davvero diverso?

Se stavolta avessimo trovato, non solo la persona “giusta”, ma la generazione giusta e il modo giusto per cambiare?

Perché non provarci?

(l’immagine arriva da qui).