Archivi tag: Dino Zoff

Per me conta ancora Dino

In questi giorni, sto seguendo i “Mondiali di calcio under 20” e ci sono due cose che mi impressionano.

In positivo mi colpisce l’alta qualità dei giocatori in campo, di ogni longitudine e latitudine, in alcuni casi giovanissimi… All’opposto, mi deprime vedere quanto molti di questi ragazzi scimmiottino, in modo spaventoso, i malvezzi più deprecabili dei campioni attuali. Pose da bullo dopo i goal, gesti irrisori nei confronti dell’avversario, saluti smargiassi alla telecamera…

Come se fossero già i campioni che non sono. Come se nessuno gli avesse spiegato che Ibra o Diego – tanto per fare il nome di due geni sregolati e assoluti – potevano permettersi di fare quello che facevano, solo perché prima, durante e dopo (di)mostravano per 90 minuti il loro immenso valore, con il pallone tra i piedi.

Questi ragazzi invece, anche quando promettenti, sembrano più innamorati della loro immagine che del loro talento. E magari hanno ragione loro… Nell’epoca dei selfie e dei Selfini al governo, vale più la percezione dell’istante che il lavoro di una vita.

Forse sono io che sto solo invecchiando. Che vi devo dire? D’altronde a farmi innamorare del calcio, quand’ero bambino, è stato un campione tutto diverso.

Si chiamava e si chiama Dino Zoff

Da giocatore parlava con le sue parate e, soprattutto, con i suoi silenzi. Mai un gesto fuori posto, mai una polemica inutile.

Persino quando ha smesso da calciatore ed è diventato allenatore. Persino quando , nonostante i buoni risultati, la Juve l’ha allontanato per inseguire il miraggio di un tecnico “Simil-Sacchi”, zonaiolo  a la page, come Gigi Maifredi. Persino quando, da CT della Nazionale, gli hanno buttato la croce addosso per un campionato europeo perso soltanto ai supplementari di una finale sfortunata. 

Qualche anno fa ha pubblicato una bella autobiografia (scritta con la collaborazione di Marco Mensurati), dove traccia con la solita civiltà il suo percorso sportivo e di vita: 

“Sono un operaio specializzato che, con passione e serietà, tutti i giorni della propria vita ha timbrato il cartellino. Undici campionati giocati di fila, mai un raffreddore, mai un infortunio. Anni e anni in panchina ad assumermi responsabilità e a metabolizzare insulti. Sempre al mio posto, a qualunque condizione. Se davvero sono stato un monumento, come qualcuno ancora dice, sono stato un monumento ai lavoratori. Questa è stata la mia minuscola grandezza, la mia vita, la mia dignità”

 Ecco, magari ormai appartengo a una sparuta minoranza tra gli aficionados de la pelota. ma per me questa resta l’immagine autentica di un campione.