Archivi tag: società

Modric e Mbappé: il mondo che va avanti

Ed eccoli i giocatori simbolo del mondiale: appena premiati come miglior giocatore e miglior giovane, Luka Modric e Kylian Mbappé.

Modric, vice-campione del mondo con la Croazia, viene da una storia di dolore e sofferenza, bambino profugo durante la guerra della ex-Jugoslavia che insanguinò i Balcani.

Mbappé, stella in ascesa della Francia mondiale, figlio d’immigrati come molti suoi compagni, devolve i guadagni della Nazionale in beneficenza, perché considera un privilegio giocare con la maglia del suo Paese.

Sono le facce pulite e belle dello sport che non cancella le contraddizioni del mondo ma le sublima in storie da tramandare. Ed è un mondo che malgrado duci e ducetti, costruttori di muri e affondatori di barche, razzisti e xenofobi, va avanti.

Chi oggi tifava per loro in nome di queste follie, avrebbe perso comunque fosse andata in campo.

 

 

Questo post è nato come commento estemporaneo sul mio profilo facebook, subito dopo la finale dei Mondiali di calcio del 15 luglio.  In molti – amici o perfetti sconosciuti – l’hanno ripreso e condiviso nelle ore successive (grazie a tutti!).

Così lo riporto anche qui, domicilio intellettuale del sottoscritto ormai polveroso e in disuso, ma che resta la casa dignitosa delle cose che penso e  in cui mi sforzo di credere.

Se per una volta

Mia moglie fa il medico.

Lo fa in ospedale, con turni da dodici ore, di giorno come di notte, sabato e domenica compresi. E, quando smonta dai turni, l’ultima telefonata della sera, è in reparto per sapere come stanno i pazienti.

Non è un santa per questo. Forse per sopportarmi tutti i giorni, quello sì, ma è un altro discorso.

E’  “solo” una persona, fra tante, che fa il suo lavoro con coscienza e passione.

Nel leggere le cronache di queste ore, sulla legge sul cosiddetto “biotestamento”, mi sono chiesto se qualcuno tra i nostri parlamentari, che si sentono in diritto di decidere della vita e della morte degli altri, si sia preso il disturbo di ascoltare le storie di persone come mia moglie.

Continua a leggere Se per una volta

L’importanza del nostro voto

Tutti alle urne! Alle urne senza paure, serenamente convinti dell’importanza del nostro voto e fiduciosi nel successo della causa per cui andiamo a darlo.

Ma quale sia per essere l’esito del referendum impegniamoci fin d’ora ad accettarlo e a rispettarlo.

Così in questo riconoscimento e in questa accettazione della volontà popolare, noi daremo al mondo la miglior prova che siamo degni della libertà che abbiamo finalmente riconquistato».

Corriere della Sera, 2 Giugno 1946 (Referendum  Monarchia/Repubblica)

(via Giorgio Salati)

La faccia come il Quorum

E poi basta.

Poi torniamo a parlare di fumetti, di letteratura e cinema.

Ma un’ultima cosa voglio dirla dei referendum, anche in merito alla discussione avuta nel post precedente con il buon Giovanni Fontana.

Non posso proprio accettare intellettualmente, da democratico (o almeno per come io intendo il termine) è che si legittimi il “non voto”. Che è fisiologico in democrazia nella misura in cui il singolo per motivi x, decida di non votare.

Ma quando lo si propone come strumento intenzionale, organizzato politicamente, di boicottaggio di una scelta che la comunità deve compiere, si fa un passaggio determinante verso l’inciviltà collettiva.

I motivi per cui esiste una soglia di Quorum nei referendum stanno in una scelta di diritto, per certi versi nobile, dei padri costituenti, in ragione di quello che il paese aveva vissuto prima di ritrovare la democrazia.

Continua a leggere La faccia come il Quorum

Questa è la Terra

Questa è la Terra, fotografata nel 2005, da un satellite della NASA.

La storia che vi voglio raccontare, o meglio rammentare, oggi è quella di questo piccolo globo azzurro. Un puntino sperduto nella vastità di un universo di cui conosciamo ancora pochissimo.

Ma una cosa la sappiamo, questa foto ce la racconta bene: la quantità d’acqua in forma liquida o solida che la ricopre è immensa. Per la precisione il 75% dell’intera superficie.

Ovviamente, la scienza ci spiega che non è un caso. Che ci vediate dietro la mano del grande Architetto o solo la grandezza di madre Natura,sta di fatto che quest’acqua è fondamentale per la vita sul Pianeta.

Cosa c’entra questo con i referendum di Domenica e Lunedì? Poco o forse molto, a seconda di come valutate i temi che mettono in gioco. D’accordo i quesiti sono specifici, ma a mio avviso ridurre la portata della riflessione pubblica che hanno innescato alla leggina di turno sarebbe davvero misero.

Continua a leggere Questa è la Terra

Storia a fumetti degli Indignados

Hanno fatto sensazione, tutto il mondo ne parla.

Los indignados, i giovani spagnoli radunati nelle piazze iberiche a contestare l’intero sistema politico del loro paese.

Chi sono? L’interpretazione “de sinistra”, “toninegresca”, suggerisce che possano rappresentare una nuova incarnazione del movimentismo di un tempo. Insomma, sessantottini versione due punto zero, in salsa post-ideologica, venuti a chiedere a papà e nonni conto del benessere promesso loro dalla società che non trovano più.

Fuori da ogni retorica, Pepo Pérez e Santiago García , blogger e fumettisti, hanno cercato di raccontare in una breve storia online, Spanish revolution (qui in versione spagnola o se preferite in inglese), il senso di quest’avventura collettiva.

E nella fluidità delle vignette da “scrollare” una dietro l’altra, dall’alto verso il basso, non c’è solo il sapore stilistico “verticalista” del fumetto da web, ma anche il saper legare questa storia di oggi a quelle di ieri del loro paese.

Ecco , forse,  quello che rende “autentico” Spanish Revolution rispetto alle tante letture dei Soloni di professione, sta nello sforzo di raccontare le cose con onestà e semplicità, lontano dai cattivi maestri e dalle cattive coscienze.

Storia dei Giusti e degli Sbagliati

I Giusti fra le nazioni hanno parte nel mondo che viene.

Tosefta, Sanhedrin,13.

Com’è bella la storia  de I Giusti, raccontata nel Talmud di tradizione ebraica. Il mondo sussiste soltanto per merito delle loro azioni, uomini e donne che vivono tra noi, ignorandosi l’un l’altro come ricorda un celebre verso di Borges.

I Giusti sono il pilastro dell’universo e finché anche uno solo di loro calpesta questa Terra, praticando il bene, allora l’Umanità intera è salva.

Ho sempre trovato che questo racconto sappia infondere speranza, sia a chi crede profondamente in un qualche Dio, sia  a chi credelaicamente nella positività dell’esperienza umana. Continua a leggere Storia dei Giusti e degli Sbagliati

Mettete Fiore nei vostri cannoni

Se avessi potuto essere al Festival di Giornalismo di Perugia in questi giorni, non mi sarei perso di certo l’incontro con il cartoonist  statunitense Mark Fiore.

Se n’era già parlato un annetto fa, quando questo vignettista satirico – ormai noto in tutto il mondo, per i suoi dissacranti controcanti animati alla politica USA – vinse il premio Pulitzer.

La sua vena irriverente gioca con tutti i registri espressivi, dal grottesco al patetico, e non fa sconti a nessuno: dal povero Obama al Giappone disastrato.

Continua a leggere Mettete Fiore nei vostri cannoni